Box

Forme del disagio dentro la pandemia, la DaD e la relazione didattica

Continua la nostra riflessione sulle trasformazioni e sul vissuto nella scuola della pandemia. Il rientro in aula, infatti, non può non essere accompagnato da un esame attento di ciò che è accaduto (e sta ancora accadendo) e degli effetti che eventi così inattesi hanno prodotto, soprattutto nei ragazzi, in termini di affaticamento, disagio e sofferenza psicologica.

Come documentato da numerose inchieste giornalistiche degli ultimi mesi, lungo tutto il corso dell’anno è cresciuto significativamente il numero delle domande di sostegno psicologico, ma anche degli accessi e dei ricoveri ospedalieri di bambini e adolescenti nei reparti di neuropsichiatria.

Il confinamento in casa e la chiusura delle scuole come spazio di relazione, così come la sospensione delle attività sportiva, hanno avuto un costo su bambini e ragazzi che non può solo essere scaricato sulle strutture socio-sanitarie, ma che deve essere messo a fuoco e affrontato dalla collettività nel suo insieme e dai docenti per primi.

A guidarci in questa tavola rotonda saranno la dott.ssa Isabella Croce, psicologa dello Spazio Giovani di Casalecchio, e la dott.ssa Maria Grazia Quieti, psicologa del servizio territoriale di neuropsichiatria infantile dell’Asl di Bologna.

L’incontro si terrà mercoledì 19 maggio, dalle ore 15.00 alle 16.30, tramite la piattaforma Google Meet.